Staff VigoBus

Staff VigoBus

Eventi & Turismo 09 Settembre 2020

Michelangelo Divino Artista

Scultore, pittore, architetto e poeta, Michelangelo Buonarroti fu artefice di opere incomparabili per tensione morale, energia della forma, complessità dei concetti espressi.

Per la sua poliedrica personalità il Buonarroti venne definito “artista universale” a cominciare da Giorgio Vasari che con questa formula sintetizzava un giudizio condiviso. Al contempo proprio Vasari poneva l’artista fiorentino al vertice della storia dell’arte moderna, intesa come progresso, celebrando sia Buonarroti sia Firenze sia i Medici, ‘sovrani’ assoluti di Firenze al tempo di Cosimo I.

Il team dei curatori e degli organizzatori ha messo a punto un percorso espositivo che concentra un’attenzione speciale su uno degli aspetti per i quali la figura di Michelangelo può dirsi unica nella storia della civiltà occidentale: l’eccezionalità degli incontri che costellano la sua biografia.

Nella sua vita prodigiosamente lunga e operosa, infatti, l’artista fin dalla prima adolescenza fu in contatto, grazie al suo talento e, in seguito, alla sua fama, con personaggi d’alto rango dell’età Rinascimentale, in posizioni chiave nella politica, nella religione, nella cultura.

Nessun altro artista ha mai potuto vantare, né può oggi vantare, d’aver frequentato sotto il loro stesso tetto due futuri pontefici da giovinetti, o di aver servito ben sei papi, o di aver intrattenuto rapporti diretti con mecenati della grandezza di Lorenzo il Magnifico e dei reali di Francia, Francesco I di Valois e la nuora Caterina de’ Medici.

Ma il progetto di una mostra su Michelangelo deve sempre fare i conti con l’inamovibilità della grande maggioranza delle opere autografe dell’artista. Si tratta infatti di statue in marmo e di affreschi, divisi tra musei (prevalentemente a Firenze) e i palazzi Apostolici Vaticani. Solo poche statue risultano esponibili in una mostra: fra queste, è prevista la presenza della Madonna della Scala, capolavoro giovanile dell’artista conservato in Casa Buonarroti a Firenze.

Si può contare, inoltre, su un ampio nucleo selezionato di disegni autografi, in gran parte conservati nella Casa Buonarroti, insieme con fogli del carteggio di Michelangelo, delle rime e altri suoi scritti originali.

Il percorso espositivo (come pure il catalogo e gli apparati multimediali di accompagnamento) sarà composto di sezioni, dedicate ai diversi periodi della lunga vita di Michelangelo, che comprenderanno opere originali dell’artista, sculture e disegni in particolare; opere originali di diretti collaboratori, da lui stesso ispirate e guidate; ritratti dipinti e scolpiti, di Michelangelo e dei personaggi storici a lui collegati; medaglie; rime, lettere e, in generale, appropriate testimonianze documentarie e opere d’arte di autori vari.

La narrativa storica e storico-artistica che ne risulta non mancherà di stupire. Michelangelo attraversò quasi un secolo, in un tempo di guerre, di violenze e di cruciali rivolgimenti (quando prese forma lo scenario politico europeo nel quale tuttora ci muoviamo), mantenendosi vicino al potere senza farsene distruggere e neppure troppo condizionare, in ragione del suo carattere indipendente e risoluto.

Poté assistere, spesso prendendovi parte, agli ultimi splendori dell’età di Lorenzo il Magnifico e alla cacciata della famiglia Medici, alla predicazione apocalittica del Savonarola e alla sua disgrazia, all’ascesa di Roma sotto Giulio II e ai papati dei Medici, alla tragedia del Sacco di Roma e all’assedio delle truppe imperiali alla fragile Repubblica fiorentina, al nuovo autoritario regime mediceo e all’esilio degli oppositori (tra i quali, volontariamente, lui stesso), al nuovo splendore dell’Urbe sotto Paolo III e i suoi successori, alle lacerazioni della Cristianità divisa dagli scismi, al profilarsi della Controriforma.

Generoso e sospettoso, schietto e prudente, amabile e brusco, Michelangelo è uomo dalle mille contraddizioni, che emerge più affascinante e carismatico ogni volta che si riprende in considerazione l’immensa mole dei capolavori da lui creati e dei documenti che ci guidano a ricostruirne la vita, l’opera e gli affetti.

 

event calendar Quando
         08 Ott 2020 - 24 Gen 2021
event pointer Dove
   Genova - Palazzo Ducale - Appartamento del Doge e Cappella Dogale
event time Orario
   da martedì a domenica, ore 10-19 lunedì chiuso
event ticket Biglietti
  12€ intero
10€ ridotto
4€ scuole; bambini e ragazzi fino a 14 anni
bambini fino a 6 anni gratuito
event covid Norme Covid-19
   Informazioni principali per i visitatori:
  • All’ingresso sarà misurata la temperatura.
  • Non sarà consentito l’accesso al visitatore con temperatura superiore o uguale a 37,5°C.
    In tal caso anche gli eventuali accompagnatori non potranno accedere.
  • L’accesso sarà consentito a un numero contingentato di visitatori finalizzato a garantire un’adeguata distanza interpersonale.
  • Tutti i percorsi di visita saranno guidati da un’apposita segnaletica e dal personale di sala presente.
  • I visitatori in coda e nel corso della visita sono tenuti a mantenere la distanza interpersonale di sicurezza.
  • Per tutta la permanenza sarà obbligatorio indossare correttamente la mascherina.
  • Sono previsti erogatori di soluzione igienizzante idroalcolica a disposizione del pubblico.
event site Sito Internet
   https://palazzoducale.genova.it/mostra/michelangelo-divino-artista/
event info Informazioni
  La mostra è a cura di Cristina Acidini, con Alessandro Cecchi ed Elena Capretti e realizzata in collaborazione con MetaMorfosi Associazione Culturale

Orario Provvisorio Linea n.173 Ceres - Forno Alpi Graie

Linea n.173 Ceres - Forno Alpi Graie

 

Si avvisano gli Utenti che

da lunedì 14/09/2020 fino a sabato 10/10/2020

gli orari in vigore saranno i seguenti:

 

 

La Direzione
A.T.A.V. VIGO S.p.a.

 

Ottieni subito il tuo Voucher per il periodo di Lockdown

Rimborso abbonamenti di viaggio inutilizzati durante il lockdown

Di concerto con il consorzio Grandabus e sentita l’Agenzia della Mobilità Piemontese, ente committente del servizio di trasporto pubblico locale delle provincie di Asti e Cuneo è stato definito come procedere con gli abbonamenti di viaggio dei mezzi di trasporto pubblico rimasti inutilizzati nei periodo di lockdown imposto dall’emergenza legata alla pandemia da Covid-19.

Il rimborso sarà riconosciuto agli utenti in possesso di abbonamenti di viaggio inutilizzati tra il 10 marzo e il 17 maggio, secondo precise modalità di erogazione indicate negli articoli 200 e 215 del cosiddetto decreto rilancio (decreto legge 34/2020), e convertiti in legge dal Parlamento solamente lo scorso 17 luglio 2020.

Dal 31 agosto 2020 è possibile:

Per gli abbonamenti “annuali studenti” (validi dal 1° settembre 2019 al 30 Giugno 2020):

1) chiedere il prolungamento della validità dell’abbonamento per i mesi di settembre e ottobre 2020;

oppure...

2) chiedere un voucher personale, non cedibile, utilizzabile in un’unica soluzione per l’acquisto di abbonamenti per l’anno scolastico 2020/2021 di valore uguale o superiore all’importo del voucher, da utilizzarsi entro il 31 agosto 2021.

Per i possessori di abbonamenti “mensile”, “trimestrale” o “annuale ordinario”, richiedere un voucher personale, non cedibile, utilizzabile in un’unica soluzione per l’acquisto di abbonamenti di valore uguale o superiore all’importo del voucher, da utilizzarsi entro il 31 Agosto 2021.


Per ottenere il prolungamento di validità del titolo o il voucher si dovrà:

A) compilare un apposito modulo scaricabile dal sito aziendale www.vigobus.it con il quale si certifica sotto la propria responsabilità il mancato utilizzo nel periodo di lockdown del titolo di viaggio in conseguenza dei provvedimenti attuativi delle misure di contenimento del Covid-19 imposte dal Governo.

B) Trasmettere Il modulo unitamente alla copia del documento di riconoscimento fronte/retro dell’intestatario dell’abbonamento o del genitore/tutore in caso di minore,
agli uffici aziendali entro e non oltre il 31/10/2020

  • Direttamente all’operatore di biglietteria
  • Via mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Terminate le operazioni di verifica dei documenti presentati, l’operatore di biglietteria procederà all’estensione della validità dell’abbonamento di viaggio o all’emissione del voucher.

E’ necessario portare la tessera BIP in originale (oltre la fotocopia)
per entrambe le operazioni.

SCARICA SUBITO E COMPILA IL MODULO RIMBORSI COVID-19
DAL LINK QUI SOTTO
(Scarica il Modulo)

Linea n.34 Castelnuovo D.B. - Asti Settembre 2020

LINEA n. 34 Castelnuovo D.B. - ASTI

Orario Ripristinato

 

 

S’invita l’utenza a prendere visione del nuovo orario.

 

La Direzione
A.T.A.V. VIGO S.p.a.

 

 NUOVO ORARIO DELLA LINEA.34 in vigore dal 27/07/2020

Orari 

 

Linea n.34 Castelnuovo D.B. - Asti Agosto 2020

LINEA n. 34 Castelnuovo D.B. - ASTI

 

S’informano gli utenti che:
dal 03/08/2020 al 30/08/2020 il servizio sarà ridotto,
con sospensione delle corse dal 10/08/2020 al 22/08/2020

 

S’invita l’utenza a prendere visione dell’orario.

 

La Direzione
A.T.A.V. VIGO S.p.a.

 

 NUOVO ORARIO DELLA LINEA.34 in vigore dal 03/08/2020

Orari 

 

LINEA n.170 Torino - Chieri - Montechiaro d'Asti Agosto 2020

Linea N.170 Torino - Chieri - Montechiaro d'Asti
SERVIZIO TPL MESE DI AGOSTO

S’informano gli Utenti che dal 03/08/2020 al 29/08/2020
verranno effettuate solamente le corse
FERIALI e FERIALI PERIODO NON SCOLASTICO
Le corse Fiat sono sospese sempre nello stesso periodo

 

Saranno ripristinate le seguenti corse:

da Torino per Castelnuovo D.B.
- corsa delle ore 7.30
- corsa delle ore 12.10
- corsa delle ore 17.25
- corsa delle ore 18.40

da Castelnuovo D.B. per Torino
- corsa delle ore 6.30
- corsa delle ore 13.05
- corsa delle ore 17.20
- corsa delle ore 18.50

da Castelnuovo D.B. per Moriondo
- corsa delle ore 6.00

da Castelnuovo D.B. per Chieri
- corsa delle ore 7.40


giro Castelnuovo D.B. - Buttigliera d'Asti - Becchi
- corsa delle ore 8.35
- corsa delle ore 16.50
- corsa delle ore 18.30
- corsa delle ore 19.35

Le corse Festive saranno effettuate regolarmente.

 

La Direzione
A.T.A.V. VIGO S.p.a.

 

 

Ripristino percorso Linea n.34 Castelnuovo D.B. - Asti

LINEA n. 34 Castelnuovo D.B. - ASTI

Ripristino percorso nei comuni di
Villa San Secondo / Corsione / Cossombrato

 

Si comunica alla Spettabile Clientela che

a partire dal giorno lunedì 20/07/2020

verrà ripristinato il traffico veicolare nei comuni di

Villa San Secondo, Corsione e Cossombrato.

 

Per questo motivo da tale data la linea 34 “Castelnuovo D.B. – Asti

riprenderà il suo normale percorso.

 
Si ricorda inoltre che le corse scolastiche non vengono effettuate.

La Direzione
A.T.A.V. VIGO S.p.a.

 

 NUOVO ORARIO DELLA LINEA.34 in vigore dal 20/07/2020

Orari 

 

FINITI I LAVORI STRADALI IN MONTECHIARO D’ASTI

LINEA n. 105 CHIVASSO - ASTI

 

Si comunica alla Spettabile Clientela
che a partire dal giorno lunedì 20/07/2020
 

 Riapertura Montechiaro d'Asti
fine deviazione della linea 105 "Asti - Chivasso"

 



Verrà ripristinato il traffico veicolare nel concentrico di Montechiaro in Via Mairano.

 

Per questo motivo da tale data la linea 105 “Asti – Chivasso”
riprenderà il suo normale percorso.

 

Verranno soppresse le fermate provvisorie di Cossombrato, Villa San Secondo e Montechiaro Bivio Monveglio.

 

Verranno ripristinate invece le fermate di Montechiaro Regione Nocciola al passaggio a livello e Montechiaro Piazza del Mercato Via Maresco.


 

 

La Direzione
A.T.A.V. VIGO S.p.a.

Eventi & Turismo 23 Giugno 2020

Riapre la Mostra su Andrea Mantegna. Rivivere l'antico, costruire il moderno.

Andrea Mantegna a Torino dal al

La grande esposizione vede protagonista Andrea Mantegna (Isola di Carturo 1431 – Mantova 1506), uno dei più importanti artisti del Rinascimento italiano, in grado di coniugare nelle proprie opere la passione per l’antichità classica, ardite sperimentazioni prospettiche e uno straordinario realismo nella resa della figura umana.

La rassegna presenta il percorso artistico del grande pittore, dai prodigiosi esordi giovanili al riconosciuto ruolo di artista di corte dei Gonzaga, articolato in sei sezioni che evidenziano momenti particolari della sua carriera e significativi aspetti dei suoi interessi e della sua personalità artistica, illustrando al tempo stesso alcuni temi meno indagati come il rapporto di Mantegna con l’architettura e con i letterati.

Viene così proposta ai visitatori un’ampia lettura della figura dell’artista, che definì il suo originalissimo linguaggio formativo sulla base della profonda e diretta conoscenza delle opere padovane di Donatello, della familiarità con i lavori di Jacopo Bellini e dei suoi figli (in particolare del geniale Giovanni), delle novità fiorentine e fiamminghe, nonché dello studio della scultura antica.
Un’attenzione specifica è dedicata al suo ruolo di artista di corte a Mantova e alle modalità con cui egli definì la fitta rete di relazioni e amicizie con scrittori e studiosi, che lo resero un riconosciuto e importante interlocutore nel panorama culturale, capace di dare forma ai valori morali ed estetici degli umanisti.

Il percorso della mostra è preceduto e integrato, nella Corte Medievale di Palazzo Madama, da uno spettacolare apparato di proiezioni multimediali: ai visitatori viene proposta una esperienza immersiva nella vita, nei luoghi e nelle opere di Mantegna, così da rendere accessibili anche i capolavori che, per la loro natura o per il delicato stato di conservazione, non possono essere presenti in mostra, dalla Cappella Ovetari di Padova alla celeberrima Camera degli Sposi, dalla sua casa a Mantova al grande ciclo all’antica dei Trionfi di Cesare.

Il Piano Nobile di Palazzo Madama accoglie, quindi, l’esposizione delle opere, a partire dal grande affresco staccato proveniente dalla Cappella Ovetari, parzialmente sopravvissuto al drammatico bombardamento della seconda guerra mondiale ed esposto per la prima volta dopo un lungo e complesso restauro e dalla lunetta con Sant’Antonio e San Bernardino da Siena proveniente dal Museo Antoniano di Padova.

Il percorso espositivo non è solo monografico, ma presenta capolavori dei maggiori protagonisti del Rinascimento nell’Italia settentrionale che furono in rapporto con Mantegna, tra cui opere di Donatello, Antonello da Messina, Pisanello, Paolo Uccello, Giovanni Bellini, Cosmè Tura, Ercole de’ Roberti, Pier Jacopo Alari Bonacolsi detto l’Antico e infine Correggio. Accanto a dipinti, disegni e stampe di Mantegna, saranno esposte opere fondamentali dei suoi contemporanei, così come sculture antiche e moderne, dettagli architettonici, bronzetti, medaglie, lettere autografe e preziosi volumi antichi a stampa e miniati.
Per rendere chiaro e lineare questo tema complesso, il comitato scientifico internazionale ha selezionato un corpus di oltre un centinaio di opere, riunito grazie a prestigiosi prestiti internazionali da alcune delle più grandi collezioni del mondo, tra cui il Victoria and Albert Museum di Londra, il Musée du Louvre e il Musée Jacquemart André di Parigi, il Metropolitan Museum di New York, il Cincinnati Art Museum, il Liechtenstein Museum di Vienna, lo Staatliche Museum di Berlino, oltre a prestiti di numerose collezioni italiane, tra cui le Gallerie degli Uffizi, la Pinacoteca Civica del Castello Sforzesco e il Museo Poldi Pezzoli di Milano, l’Accademia Carrara di Bergamo e l’Accademia Tadini di Lovere, il Museo Antoniano e i Musei civici di Padova, la Fondazione Cini e le Gallerie dell’Accademia di Venezia, il Museo di Capodimonte di Napoli, i Musei Civici di Pavia, la Galleria Sabauda e il Museo di Antichità di Torino, i Musei Civici, il Seminario Arcivescovile e la Basilica di Sant’Andrea di Mantova.

Il comitato scientifico della mostra è composto dai curatori Sandrina Bandera e Howard Burns, con Vincenzo Farinella come consultant curator per l’antico, insieme a Laura Aldovini, Lina Bolzoni, Molly Bourne, Caroline Campbell, Marco Collareta, Andrea Di Lorenzo, Caroline Elam, David Ekserdjian, Marzia Faietti, Claudia Kryza – Gersch, Mauro Mussolin, Alessandro Nova, Neville Rowley e Filippo Trevisani.

La mostra, promossa dalla Fondazione Torino Musei e da Intesa Sanpaolo, è organizzata da Civita Mostre e Musei.

 

NORME DI SICUREZZA:
Informazioni principali per i visitatori:

  • All’ingresso sarà misurata la temperatura.
  • Non sarà consentito l’accesso al visitatore con temperatura superiore o uguale a 37,5°C. In tal caso anche gli eventuali accompagnatori non potranno accedere al museo.
  • L’accesso sarà consentito a un numero contingentato di visitatori finalizzato a garantire un’adeguata distanza interpersonale.
  • Tutti i percorsi di visita saranno guidati da un’apposita segnaletica e dal personale di sala presente.
  • I visitatori in coda e nel corso della visita in museo sono tenuti a mantenere la distanza interpersonale di sicurezza.
  • Per tutta la permanenza in museo sarà obbligatorio indossare correttamente la mascherina.
  • Sono previsti erogatori di soluzione igienizzante idroalcolica a disposizione del pubblico.
  • La prenotazione per l’accesso al museo e alle mostre è consigliata ma non obbligatoria.

Servizio di prenotazione: 1,50 € a persona - 1 € a studente.

La Fondazione Torino Musei assicura la regolare, costante e periodica pulizia e igienizzazione degli ambienti museali. Tutto questo per garantire una visita piacevole e sicura.

Informazioni e prenotazioni: Ticket One (da lunedì a sabato) 011.0881178 - Theatrum Sabaudiae (da sabato a domenica) 011.52.11788 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Corsa Ripristinata LINEA n. 173 CERES – FORNO A.G.

S’informano gli Utenti che
da lunedì 22/06/2020

 

 

 

 

Al sabato saranno ripristinate
le corse feriali e feriali non scolastiche.


Si ricorda che le corse scolastiche non vengono effettuate.

La Direzione
A.T.A.V. VIGO S.p.a.